Il Capodanno è vicino ed il pericolo abbuffata incombe

Il cenone di Capodanno è un must e la tradizione può aiutarvi ad onorarlo‚ rispettando le esigenze del vostro cuore. I cardiopatici sanno benissimo cosa devono e cosa non devono mangiare‚ quindi‚ più che consigliarvi quali cibi scegliere‚ vi suggerisco per quali quantità optare.

I consigli della dott.ssa Giulia Accardi di progettodieta.com

Innanzitutto‚ con un occhio alla crisi‚ vi consiglio di lanciarvi a capofitto sulle lenticchie (i romani si garantivano così la ricchezza per tutto l’anno)‚ piatto tradizionale e immancabile in un cenone di San Silvestro che si rispetti. Iniziando così‚ darete già da fare al vostro stomaco che vi suggerirà che‚ in fondo‚ non avete bisogno di ingerire molto altro cibo. Evitate cibi grassi che affaticheranno inutimente il vostro organismo. Quindi‚ crostini con salmone sì ma senza burro e con una bella spruzzata di limone (magari anche un paio di fettine di avocado). Non fate mai il bis delle pietanze e dosate le bevande alcoliche prima di iniziare a pasteggiare (un bicchiere di vino rosso e mezzo bicchiere di prosecco per la mezzanotte)‚ in maniera tale da gestire le quantità a vostra disposizione durante la cena. Sul cotechino e lo zampone pongo un veto assoluto‚ no comment sui loro ingredienti. Meglio optare per un secondo alternativo‚ magari del pesce. Non fatevi mancare una porzione di verdure. Quanto al dolce‚ certamente‚ non c’è nulla di indicato per i cardiopatici ma‚ se soddisferete le vostre voglie con degli assaggi‚ le papille gustative saranno appagate e il vostro organismo vi ringrazierà.


Trascorse le feste ed i grandi banchetti‚ date il benvenuto ad un 2018 all'insegna della salute: non dimenticate‚ perciò‚ di monitorare la condizione dell’organo vitale più importante del nostro corpo e rivolgetevi al Centro Cuore Europeo del Prof. Khalil Fattouch per  un Check up cardiologico‚ uno screening completo che verifica le funzionalità dell’apparato cardiocircolatorio.

Il cuore è il motore della vita‚ abbiatene cura‚ sempre!

Buon 2018!